Borgo San Jacopo
Vedi anche:

Arte decorativa: Bottega artigiana per la produzione e il restauro di tavoli di marmo decorati in scagliola.

Caffè degli Artigiani: Ottimi dolci casalinghi, spuntini ed atmosfera al Caffè che da 60 anni è preferito dagli artigiani della zona.

Centro Fiorenza: Italiano per stranieri: corsi a tutti i ilivelli a Firenze e all'Isola d'Eba.

Studio S. Spirito: Restauro di porcellane, maioliche, terrecotte, materiali lapidei, avorio, vetri, smalti, scagliole, mosaici, commessi in pietre dure, tarsie marmoree

The Art Gallery: Vendita on-line di ceramiche artistiche toscane decorate a mano.

Chiesa di San Jacopo in Soprarno
Le fontane
Le torri medievali
Ponte a Santa Trinita
Ponte Vecchio

 

Informazioni turistiche
Dove si trova: Borgo San jacopo si trova fra il Ponte Vecchio ed il Ponte a Santa Trinita, appena attraversato l'Arno.

Quando la città iniziò a svilupparsi anche al di fuori della terza cerchia di mura, si formarono i borghi, nuclei abitati sempre più estesi e importanti: uno di questi, Borgo San Jacopo, si trova in Oltrarno ed ha conservato perfettamente la struttura medievale.

Storia

 Storia


Borgo San Jacopo si trova fra il Ponte Vecchio ed il ponte a Santa Trinita e la sua esistenza è documentata dalla fine del XII sec., ma già nel 1050 sull'angolo con il Ponte Vecchio fu costruito un ospizio per i viandanti diretti a Roma.
Agli inizi del XIII sec. anche questa parte della città fu provvista di difese: fu costruita una palizzata (successivamente trasformata in una cinta muraria) ed alcune famiglie nobili vi edificarono delle torri, che ancora oggi caratterizzano l'aspetto della strada.
Nella parte centrale di Borgo San Jacopo si trovano la chiesa di San Jacopo Soprarno, fondata nel X sec., e l'antica sede della Compagnia di San Jacopo, un'associazione religiosa nata per il giubileo del 1300 con il compito di assistere i pellegrini. All'estremità della strada verso il Ponte a Santa Trinita, si trovano il Palazzo Frescobaldi, composto da parti edificate in epoche diverse (nella parte più antica nel 1301 fu ospitato Carlo di Valois), e la fontana del Buontalenti (XVI sec.).


Fai clic sulle foto per ingrandirle.

Borgo San jacopo fu in gran parte distrutta dalle mine tedesche nel 1944: dopo la guerra la strada fu ricostruita restaurando le torri (quando possibile) ed affiancandole con nuovi edifici che nei materiali e nei colori si richiamano a quelli antichi.

Inizio della pagina

« Scheda precedente | Indice del quartiere di Santo Spirito | Scheda successiva »

Home Page | Aggiungi ai Preferiti | Invia questa pagina
AddThis: Bookmark sociale
Copyright © 1999-2020 Niji.Net
Info su questo sito | Per contattarci