Chiesa di San Frediano in Cestello
Vedi anche:

Cuculia - Ristorante Libreria: La poesia della cucina, l'amore per la lettura: una pagina aperta sul mondo della tradizione e dell'innovazione culinaria.

Da i' Conte Diladdarno: Accogliente tipica trattoria immersa in San Frediano, il quartiere maggiormente legato alla tradizione fiorentina.

Fili Folli: Fili Folli, Firenze: merceria, biancheria intima e riparazioni per abbigliamento; confezione di tende, tovaglie, rivestimenti per divani

Hotel Relais Il Cestello: Hotel ***, vista sull'Arno e sulla chiesa di Cestello.

Momo Vintage: Momo Vintage: abbigliamento e accessori vintage da tutto il mondo.

Ostello Santa Monaca: Ostello per la gioventù a due passi da Piazza del Carmine.

Residenza il Carmine: Appartamenti per vacanze a due passi dalla Chiesa del Carmine.

Cappella Brancacci
Chiesa di Santa Maria del Carmine
Ponte alla Carraia
Porta San Frediano

 

Informazioni turistiche
Ingresso da: Piazza di Cestello.
Orario di apertura: Festivi: 10-11,30; 17-18; feriali: 9-11,30; 16,30-17,30.
Biglietto d'ingresso: Gratuito.

San Frediano in Cestello, una delle grandi chiese di Firenze rimaste con la facciata incompiuta, è uno dei migliori esempi dell'architettura fiorentina del tardo periodo barocco.

Storia - Di particolare interesse

 Storia


La chiesa sorge nel luogo dove si trovava il monastero di Santa Maria degli Angeli, fondato nel 1450 e ceduto nel 1628 ai monaci cistercensi che incaricarono Gherardo Silvani di costruire l'attuale chiesa.
Secondo il progetto originale la facciata doveva essere rivolta vero Borgo San Frediano, ma i committenti preferirono che la chiesa fosse rivolta verso l'Arno ed il centro della città, e incaricarono Antonio Cerruti di preparare un nuovo progetto. I lavori ripresero nel 1680 secondo il progetto di Cerruti e terminarono nel 1689 quando Antonio Ferri realizzò la cupola a tamburo. La facciata non fu eseguita ed è rimasta tutt'oggi incompiuta.
Nel 1783 la chiesa fu trasformata in parrocchia ed il convento fu soppresso e trasformato in sede del seminario arcivescovile.

Fai clic sulle foto per ingrandirle.

Inizio della pagina

 Di particolare interesse


L'interno della chiesa, a croce latina, è caratterizzato dalla luminosità data dall'intonaco chiaro e dalla luce che scende dalle grandi finestre della cupola.
La cupola è affrescata con scene della Gloria della Maddalena (di Anton Domenico Gabbiani) e della Virtù (di Matteo Bonechi).
Le cappelle laterali sono decorate con stucchi ed affreschi realizzati da grandi artisti del tempo, fra cui Matteo Bonechi, Alessandro Gherardini e Antonio Puglieschi. Nella terza cappella da sinistra è conservata una statua in legno del XIII-XIV sec., la Madonna del sorriso.
Nel transetto: a sinistra, una Crocefissione e Santi di Jacopo del Sellaio (1442) e a destra la pala di Francesco Curradi raffigurante la Madonna in gloria e Santi.

Inizio della pagina

« Scheda precedente | Indice del quartiere di San Frediano | Scheda successiva »

Home Page | Aggiungi ai Preferiti | Invia questa pagina
AddThis: Bookmark sociale
Copyright © 1999-2019 Niji.Net
Info su questo sito | Per contattarci